Cerca
Close this search box.

Il magazine dedicato alla sicurezza e all'innovazione tecnologica

Cerca
Close this search box.

di:  

Le volte in cui la tecnologia ci ha DAVVERO tolto il lavoro

Le volte in cui la tecnologia ci ha DAVVERO tolto il lavoro

La tecnologia ha avuto un impatto sui lavoratori per secoli, sostituendo i posti di lavoro per far risparmiare le aziende e mettendo fuori gioco migliaia di dipendenti.

Facciamo il punto

L’intelligenza artificiale (ultima frontiera della tecnologia) sta soppiantando numerose posizioni lavorative in tutto il mondo (particolarmente negli Stati Uniti), generando dubbi e incertezze sul futuro dell’umanità.

Questo progresso è preoccupante, soprattutto se si considera che persino il creatore dell’intelligenza artificiale ha messo in guardia dal suo potenziale dominio.

In realtà, per secoli le professioni sono state superate dai progressi tecnologici, con il conseguente aumento della produzione di massa e l’angoscia di coloro che si affidavano a quei lavori, che venivano persi. Questa tendenza può essere osservata nel corso della storia, dalle donne che lavoravano nell’industria tessile ai centralinisti negli anni Settanta, fino ai tempi più recenti, quando i servizi di streaming video hanno sostituito i negozi di video fisici.

Ogni progresso tecnologico che rende superflui alcuni lavori ha suscitato proteste e resistenze, esemplificate dall’economista John Maynard Keynes, che ha coniato una frase per descrivere questo fenomeno. “Siamo afflitti da una nuova malattia, la disoccupazione tecnologica“.

Nel 1930, in un saggio, Keynes espresse la sua preoccupazione per un nuovo disturbo noto come “disoccupazione tecnologica“, appunto. Keynes attribuì questa malattia all’ondata di innovazioni scientifiche e tecniche che si era verificata a partire dal XVI secolo, in particolare al passaggio a metodi alternativi di produzione di massa, che aveva preso slancio nel XVIII secolo e aveva continuato a fiorire per tutto il XIX secolo.

Futuro della tecnologia dal passato

Per comprendere il futuro della tecnologia nel XXI secolo, può essere utile esaminare il passato. Un recente rapporto di Challenger, Gray, and Christmas, Inc. ha rivelato che il mese scorso (giugno 2023) quasi 4.000 posti di lavoro sono stati sostituiti dall’intelligenza artificiale (IA) nei soli USA. Ciò ha alimentato veri e propri timori per i continui progressi dell’IA e per il suo profondo impatto sulla vita dei lavoratori. Tuttavia, la storia ha dimostrato che gli esseri umani possiedono resilienza e capacità di adattamento.

Walter Reuther, famoso attivista per il lavoro e i diritti civili e fondatore/ex presidente della United Automobile Workers Union, una volta ha dichiarato che “…abbiamo una scelta: o useremo le nostre nuove macchine e tecnologie per aiutarci a creare sicurezza e dignità nella costruzione di un mondo nuovo e coraggioso, o l’impatto della tecnologia di propulsione a reazione su un sistema distributivo modello T sbuffante scaverà le nostre tombe economiche”. Il senso era chiaro.

Il fatto che alcuni lavori siano diventati quasi o del tutto obsoleti a causa del progresso tecnologico dimostra che la storia non è poi così diversa dal presente.

1811: industria tessile

All’inizio del 1800, gli individui che in Gran Bretagna si opponevano alla tecnologia, in particolare i tessitori e gli operai tessili, erano conosciuti collettivamente come luddisti. Questi lavoratori prendevano posizione contro la crescente presenza di macchine nelle fabbriche, che minacciava il loro lavoro. Molti di questi lavoratori tessili avevano dedicato anni, o forse addirittura decenni, ad affinare e perfezionare il loro mestiere, per poi vedere i macchinari a basso costo sostituire gradualmente il loro lavoro manuale.

Un esempio è il mulino a calesse, una macchina utilizzata per la tosatura della lana, che aumentava in modo significativo la velocità di produzione della lana e richiedeva l’intervento di una sola persona invece di diverse. Inoltre, la macchina per la produzione di calze ha accelerato il processo di produzione di calze, raggiungendo una velocità sei volte superiore a quella precedente.

In risposta all’invasione della tecnologia, alcuni tessitori espressero il loro malcontento distruggendo fisicamente le macchine tessili, mentre altri ricorsero a misure estreme come incendiare le fabbriche o ingaggiare conflitti armati con guardie e soldati.

La ribellione ebbe fine nel 1813, quando l’esercito la represse con successo. Di conseguenza, fu promulgata una nuova legge che stabiliva che l’atto di danneggiare le macchine sarebbe stato punito con la morte.

1940: lavori nell’agricoltura

Durante la Grande Depressione, negli anni ’30 l’economista John Maynard Keynes sostenne che la crisi economica era attribuibile alla tecnologia. In questo periodo si verificò l’allontanamento dei lavoratori a causa dei progressi in materia di risparmio di manodopera, come l’introduzione del trattore.

Sebbene il trattore fosse stato presentato inizialmente nel 1902, le sue grandi dimensioni e il suo costo elevato impedirono agli agricoltori di tutti i giorni di acquistarne uno. Tuttavia, quando Henry Ford produsse il trattore Fordson nel 1917, il mercato ne fu invaso.

Con la successiva introduzione di nuove tecnologie come sollevatori, pneumatici di gomma e motori diesel, il trattore divenne un componente essenziale dell’agricoltura. Inizialmente, circa un terzo degli americani si dedicava all’agricoltura, ma nel 1950 questa cifra era scesa ad appena il 10%, come riportato da The Atlantic. Nel 2010, la percentuale era ulteriormente scesa ad appena il 2% della forza lavoro del mondo occidentale.

1950: lavoratori del settore auto

All’inizio degli anni Cinquanta, i produttori di automobili, tra cui la Ford Motor Company, iniziarono a utilizzare la tecnologia per accelerare la produzione e ridurre i costi. Ciò comportava la delocalizzazione delle basi produttive e l’adozione di robot per sostituire il lavoro manuale.

L’economista Daron Acemoglu ha riconosciuto l’impatto positivo dei robot sulla produttività, pur riconoscendo i loro effetti di spiazzamento dei posti di lavoro.

Il presidente John F. Kennedy ha sostenuto questi cambiamenti tecnologici all’epoca, sottolineando la necessità per i lavoratori di adattarsi e trasferire le proprie competenze. Il discorso di Kennedy ha evidenziato la tendenza storica dei progressi tecnologici a migliorare la produzione e le condizioni di lavoro, con conseguente aumento della produttività dei lavoratori.

Uno studio, sempre del professore del MIT Daron Acemoglu, ha rivelato l’impatto negativo dei robot sui salari e sull’occupazione. L’introduzione della tecnologia robotica nell’industria automobilistica ha però permesso di aumentare la produttività e ridurre i costi.

1960: lavoratori dei magazzini

Sebbene i magazzinieri siano ancora molto diffusi, il ruolo di smistare i beni materiali è diventato in gran parte obsoleto a causa dei progressi tecnologici. Basta pensare alle immagini di un centro distributivo di Amazon per capire quanto questo sia vero.

In passato, i magazzini impiegavano gli operai per smistare manualmente gli articoli, ma l’avvento delle apparecchiature elettroniche ha reso superfluo questo lavoro. Questo cambiamento ha comportato un risparmio sui costi per le aziende di produzione, ma anche il trasferimento di migliaia di lavoratori. Il presidente John F. Kennedy, all’epoca, elogiò questi cambiamenti, prevedendo un futuro in cui le macchine avrebbero svolto i compiti in modo più efficiente e a costi inferiori, (cosa realmente avvenuta, chiaramente).

La trasformazione del lavoro di magazzino attraverso la tecnologia è stata oggetto di interesse, con particolare attenzione all’aumento della produttività e alla semplificazione dei processi. Sebbene esistano preoccupazioni sulla delocalizzazione dei posti di lavoro, le tendenze storiche mostrano che i progressi tecnologici hanno migliorato la produttività e le condizioni di lavoro.

Il futuro del lavoro di magazzino continuerà a evolversi, richiedendo ai lavoratori di adattarsi e acquisire nuove competenze per prosperare in un panorama in continua evoluzione.

1965: centralinisti

I centralinisti hanno svolto un ruolo fondamentale nella comunicazione telefonica tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo. A causa dei limitati progressi tecnologici, le persone non potevano comporre direttamente i numeri di telefono, e incontravano invece gli operatori del centralino quando rispondevano al telefono.

Sebbene un’alternativa agli operatori umani e ai centralini sia stata inventata nel 1892, appena 16 anni dopo che Graham Bell aveva brevettato il telefono, ci sono voluti altri due decenni perché circa 300.000 degli 11 milioni di abbonati al telefono negli USA disponessero di un servizio automatizzato, eliminando la necessità di operatori.

Ironia della sorte, le società Bell inizialmente si opposero ai servizi di commutazione automatica, che furono adottati principalmente dalle società telefoniche indipendenti. L’obiettivo della Bell era quello di rendere l’uso del telefono il più semplice possibile per i clienti. Secondo Milton Mueller, professore specializzato in comunicazioni e informazione presso il Georgia Tech, la commutazione automatica richiedeva che i clienti partecipassero attivamente, anziché limitarsi a informare l’operatore delle loro esigenze.

Solo dopo la prima guerra mondiale, quando i salari dei centralinisti cominciarono ad aumentare, la direzione della Bell riconobbe i vantaggi dell’implementazione di un centralino automatico. L’azienda formulò piani per adottare il nuovo sistema nel 1919, ma solo nel 1965 fu messo in funzione il primo sistema di commutazione completamente elettronico.

Durante il periodo di massima richiesta, c’erano 342.000 centralinisti. Tuttavia, questo numero è sceso a meno di 250.000 nel 1960 ed è ulteriormente crollato a soli 40.000 nel 1984.

1980s: i pin boy

Negli anni ’80 e prima, i “pin boys” svolgevano un ruolo cruciale nella piacevole esperienza di visitare una pista da bowling per una partita amichevole. Posizionati nella parte posteriore della pista, dietro i birilli e la corsia da bowling, questi individui resettavano i birilli e riconsegnavano la palla da bowling al suo legittimo proprietario.

Tuttavia, con l’avvicinarsi della fine degli anni ’80, questi lavori sono diventati quasi obsoleti, poiché sono subentrati i pinsetter automatizzati, che hanno nel contempo rasserenato alcuni individui, i quali ritenevano che i pin boy fossero spesso pigri, inaffidabili e irrispettosi.

1989: tipografi

Prima dell’avvento della stampa digitale, gli operatori Linotype, noti anche come tipografi, utilizzavano la macchina Linotype per riprodurre i contenuti scritti. Inventata nel 1884, questa macchina utilizzava blocchi di metallo caldo per imprimere le parole sulla pagina e, negli anni ’70, si era molto diffusa nella stampa di giornali e riviste.

A differenza della composizione manuale, in cui gli operatori dovevano disporre a mano ogni singola lettera, spazio e numero, la macchina Linotype era dotata di una tastiera con 107 tasti. Ogni tasto era etichettato con un carattere maiuscolo o minuscolo, spazi e numeri. Il New York Tribune utilizzò la Linotype per un periodo di due anni prima che il suo riconoscimento si estendesse.

Un’immagine della macchina fu riportata in un articolo del 1889 pubblicato su Scientific American, che la salutava come “l’ultima e, per molti aspetti, la più notevole delle numerose macchine che inventori e meccanici hanno sviluppato nel corso del tempo nei loro persistenti tentativi di scoprire mezzi pratici per sostituire o accelerare l’arduo compito della composizione tipografica“.

L’introduzione della Linotype accelerò notevolmente la produzione, come è facile comprendere. Tuttavia, con l’avvento della stampa digitale, la richiesta di tipografi è drasticamente diminuita. Questo cambiamento ha permesso a editori di libri, giornali, riviste e altri enti di produrre tirature più brevi dei loro prodotti, riducendo al contempo le spese.

1990: lavoratori degli imballaggi

All’inizio degli anni ’90, le macchine per l’imballaggio sono emerse come una soluzione per le aziende di produzione che desiderano ridurre i costi. Secondo un rapporto del MIT del 2020, gli Stati Uniti hanno visto quadruplicare il numero di robot industriali tra il 1993 e il 2007, raggiungendo un tasso di un robot ogni mille lavoratori. L’Europa era leggermente più avanti, con un tasso di 1,6 robot industriali per mille lavoratori nello stesso periodo.

Negli anni ’90, la convinzione che le occupazioni legate alla tecnologia avrebbero dominato il futuro ha continuato a guadagnare slancio. Il Bureau of Labor Statistics ha previsto in una rivista accademica del 1992 che queste occupazioni avrebbero generato 18 milioni di nuovi posti di lavoro entro la fine del decennio. Ne hanno fatti di più, a dire il vero.

2001: agenzie di viaggio

Secondo The Guardian, le statistiche sui viaggi indicano che gli eventi dell’11 settembre hanno segnato una svolta significativa nel modo in cui le persone scelgono di viaggiare. Le compagnie aeree hanno riconosciuto il potenziale di Internet e hanno iniziato a utilizzare i siti web per fornire aggiornamenti ai loro passeggeri, mentre le piattaforme di prenotazione online sono emerse per sostituire il ruolo delle agenzie di viaggio tradizionali.

Nel decennio successivo, la presenza delle agenzie di viaggio fisiche è diminuita drasticamente, con un calo del 60% nel 2015 rispetto ai primi anni Novanta. Questo declino è stato attribuito alla crescente popolarità delle piattaforme e delle applicazioni dei social media, come Airbnb, Priceline e Booking.com.

Il settore dei viaggi ha subito un’ulteriore trasformazione con la comparsa di Facebook, che ha introdotto una nuova era di condivisione delle informazioni. Questa tendenza è stata poi amplificata dall’avvento di Twitter, Pinterest e Instagram. Di conseguenza, il numero di agenti di viaggio in carne e ossa è diminuito, costringendo le aziende di viaggio a stabilire una presenza online.

Un recente rapporto di Statista del 2023 rivela che il 72% delle persone preferisce prenotare i propri viaggi online, in netto contrasto con il 12% che si affida ancora alle agenzie di viaggio. Il rapporto indica che il 53% di chi prenota online apprezza la velocità e la comodità di personalizzare i propri itinerari, mentre per il 47% è più facile confrontare i prezzi e assicurarsi le offerte migliori.

2010: commessi di videoteca

In passato, le videoteche erano una caratteristica comune delle serate al cinema del fine settimana. Molte persone hanno un bel ricordo di quando percorrevano i corridoi di Blockbuster, cercavano film a noleggio a prezzi ragionevoli e si impegnavano in “interazioni personali” alla cassa. Tuttavia, l’aumento dei servizi di streaming ha portato al graduale declino delle videoteche e alla perdita di posti di lavoro per i commessi.

Blockbuster e altre videoteche hanno quindi affrontato difficoltà finanziarie e sono andate in bancarotta, causando la chiusura di numerosi negozi e l’eliminazione di migliaia di posti di lavoro. Al suo apice, Blockbuster vantava oltre 9.000 negozi in tutto il mondo, ma oggi ne rimane solo uno, situato a Bend, in Oregon.

Se Blockbuster avesse preso la decisione di acquisire Netflix durante i suoi primi giorni come startup, forse sarebbe riuscita a sopravvivere. Si dice che Blockbuster abbia preso in considerazione l’acquisto di Netflix per soli 50 milioni di dollari, che equivarrebbero a 88,3 milioni di dollari in termini odierni. All’inizio di luglio 2023 Netflix capitalizza quasi 200 miliardi di dollari, per dire…

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

    La tua email *

    Numero di cellulare

    Nome *

    Cognome *

    *

    *

    Inserisci sotto il seguente codice: captcha