Il magazine dedicato a vigilanza & sicurezza

di:  

sicurezza censis

Sicurezza: reati in calo, ma 6 milioni di italiani sono panofobici

Secondo il Rapporto Censis, nel 2020 sono diminuiti gli omicidi, i furti e le rapine; tuttavia il 28,6% degli italiani ha più paura di prima

Nel 2020 i reati in Italia sono drasticamente diminuiti. È quanto emerso dal recente “Rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia”, realizzato dal Censis per conto di FederSicurezza. Il report evidenzia che nel 2020 i crimini sono diminuiti del 18,9% rispetto all’anno precedente. Nello specifico, è calato il numero degli omicidi (-16,4%), delle rapine (-18,2%), dei furti (-33%) e dei furti in appartamento (-34,4%). Nonostante questo, due italiani su tre (66,6%) hanno paura di rimanere vittima di un reato, mentre per il 28,6% degli intervistati la paura è addirittura aumentata. Complice la pandemia, sei milioni di italiani hanno manifestato di aver paura di tutto (i così detti “panofobici”), “in casa e fuori casa, vivono in un costante stato d’ansia e d’agitazione”.

Se da un lato i reati in genere sono diminuiti, alcune specifiche categorie hanno avuto invece un andamento opposto. Si tratta del cyber crime, che sfruttando la digitalizzazione e le restrizioni imposte dal Governo per contenere i contagi, è aumentato in modo esponenziale. Truffe e frodi informatiche sono cresciute del 13,9% rispetto al 2019. L’aumento del crimine informatico ha accresciuto di conseguenza anche la paura degli utenti. Il 31,1% degli intervistati non si sente sicuro quando fa operazioni bancarie online. Il 24,9% ha paura di utilizzare i sistemi di pagamento elettronici per fare acquisti in Rete. Inoltre, il lock down ha causato l’incremento anche di un’altra tipologia di reati, come lo stalking e la violenza domestica.

Infine, il report del Censis ha messo in evidenza la considerazione che gli italiani hanno rispetto al comparto della sicurezza privata. La metà degli intervistati (50,5%) ha espresso fiducia nei confronti delle guardie giurate e degli operatori del settore. Essi, soprattutto in quest’ultimo anno di pandemia, hanno contribuito in modo considerevole a garantire la sicurezza dei cittadini. Tuttavia, il 62,8% degli italiani è convinto che ci sia ancora una scarsa consapevolezza da parte della popolazione in merito all’attività svolta da parte delle guardie giurate. Il 55,7% degli intervistati afferma addirittura che il settore avrebbe bisogno di un maggiore riconoscimento sociale.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto