Il magazine dedicato a vigilanza & sicurezza

di:  

privacy

Privacy: posso accedere ai dati personali di una persona morta?

Privacy: cosa s’intende per dati personali? L’erede può accedere ai dati del de cuius?

Iniziamo subito il nostro articolo chiarendo  cosa significhi l’espressione, dati personali. Sono dati personali tutte le informazioni che identificano o rendono identificabile, in maniera diretta o indiretta una persona fisica. Tali dati sono capaci di comunicare specifiche informazioni, quali, stato di salute, abitudini, situazione economica, stile di vita, orientamento sessuale o vita sessuale, uno o più elementi caratteristici della sua identità culturale o sociale. ( art. 4 del Regolamento Generale per la protezione dei dati).

La persona a cui i dati si riferiscono prende il nome di “ soggetto interessato”. Pertanto, con il verificarsi dell’evento morte, il soggetto o persona fisica perde automaticamente la sua qualità di interessato.

Se i diritti dell’interessato vengono meno con il suo decesso, è comunque possibile accedere ai suoi dati personali?

La risposta è sicuramente positiva!

Gli eredi e non solo, possono avere accesso ai dati personali del parente o persona deceduta.

L’accesso ai dati personali relativi a una persone deceduta può, altresì, essere esercitato da chiunque vi abbia interesse.

Risulta doveroso dover precisare che anche le persone venute a mancare hanno diritto alla riservatezza dei loro dati personali. Pertanto, l’accesso sarà possibile e consentito solo a chiunque dimostri di essere portatore di un interesse meritevole di tutela.

Il diritto di accesso spetta, quindi, oltre che all’erede anche  all’individuo che vi abbia interesse o a chi agisce a tutela dell’interessato, come suo mandatario o per ragioni familiari meritevoli di protezione.

L’esercizio di tali diritti non è ammesso nei soli casi previsti dalla legge o quando, limitatamente all’offerta diretta di servizi della società dell’informazione, l’interessato lo ha espressamente vietato con dichiarazione scritta presentata al titolare del trattamento o a quest’ultimo comunicata.

La domanda potrà essere inoltrata al titolare del trattamento, come nel caso di una  Pubblica amministrazione o di una società, eccetera. 

Nell’ipotesi in cui l’interessato riceva una risposta negativa potrà avanzare anche, un reclamo al Garante per la Protezione dei Dati Personali.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto