Il magazine dedicato a vigilanza & sicurezza

di:  

Privacy, è vietato filmare il coniuge di nascosto

Secondo la Cassazione, chi lascia un videocamera in casa per riprendere il proprio partner commette reato di interferenza illecita nella vita privata
Improvvisarsi detective e lasciare una microspia accesa in casa per scoprire se il marito o la moglie ti tradisce costituisce reato. A stabilirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 36109/2018 che prevede il reato di interferenza illecita nella vita privata qualora un coniuge usi, all’insaputa del proprio partner, uno strumento di ripresa visiva o sonora in casa per accertarsi di non essere tradito. Nel caso in cui si verifichi una situazione del genere, il soggetto che ha indebitamente filmato/registrato il proprio compagno/a è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni.
In sintesi, per non violare la privacy altrui, (nonostante si tratti della propria moglie o del proprio marito e dell’abitazione di famiglia), la legge prescrive che si possa filmare e/o registrare il coniuge solo se la ripresa avviene fuori dai luoghi di privata dimora (propri o altrui ovviamente) e se colui che riprende è anch’egli oggetto della registrazione. Il coniuge che si sente tradito non può quindi lasciare una videocamera accesa in casa, all’insaputa del proprio partner, per spiarlo e andare nel frattempo in ufficio o in qualsiasi altro posto.
La Corte Suprema inoltre ha stabilito che la pena da sei mesi a quattro anni di reclusione spetta anche a chi rivela o diffonde al pubblico, mediante qualsiasi mezzo di informazione, le notizie o le immagini ottenute nei modi appena indicati, salvo che il fatto costituisca più grave reato. La pena va da uno a cinque anni di reclusione se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un servizio pubblico, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o servizio, o da chi esercita abusivamente la professione di investigatore privato.
Al contrario, è lecito invece spiare il proprio partner, all’insaputa di quest’ultimo, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico (negozi), in un mezzo pubblico (treno, metro) o in auto. Nonostante tutto  è consigliabile affidarsi ad un professionista, serio e competente, senza doversi inventare detective. Assumere un investigatore privato infatti consente a chi sospetta di essere tradito dal marito o dalla moglie di non incappare in “errori fatali” che potrebbero comportare la violazione della privacy altrui.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto