Il magazine dedicato a vigilanza & sicurezza

di:  

malware

Malware, l’Italia è il terzo Paese al mondo più colpito

Secondo il report di Trend Micro Research dopo i mesi di febbraio e marzo in quarta posizione, ad aprile l’Italia vede impennarsi ulteriormente il dato relativo agli attacchi malware

Tra i Paesi maggiormente presi di mira dai malware l’Italia nel 2021 si è posizionata nelle prime posizioni a livello mondiale. A gennaio era il quinto Paese più colpito, a febbraio e marzo il quarto, mentre ad aprile è salita sul podio di questa speciale classifica come terza Nazione maggiormente afflitta dal fenomeno. Il dato emerge dall’ultimo report di Trend Micro Research, la divisione di Trend Micro, società di cybersecurity, specializzata in ricerca&sviluppo e lotta al cybercrime.

Nello specifico, i malware che hanno colpito l’Italia ad aprile sono stati 4.908.522. Sul gradino più alto del podio troviamo gli Stati Uniti che con 31.056.221 malware risulta il Paese che ha subito più attacchi. Segue il Giappone (30.363.541) e, dopo il terzo posto occupato dall’Italia, troviamo India (4.411.584) e Australia (4.387.315).

La famiglia di malware più rilevata ad aprile in Italia, in generale e a livello business, è stata quella di DOWNAD, mentre i consumatori sono stati colpiti maggiormente da COINMINER, famiglia di malware specializzata nel nascondersi all’interno del sistema per sfruttare le risorse computazionali e produrre criptovaluta.

I dati sono frutto delle analisi della Smart Protection Network, la rete di intelligence globale di Trend Micro che individua e analizza le minacce e aggiorna costantemente il database online relativo agli incidenti cyber, per bloccare gli attacchi in tempo reale grazie alla migliore tecnologia disponibile sul mercato. La Smart Protection Network è costituita da oltre 250 milioni di sensori e blocca una media di 65 miliardi di minacce all’anno.

Ad aprile 2021 la Smart Protection Network di Trend Micro ha gestito 435 miliardi di query e fermato 7,3 miliardi di minacce, di cui circa l’80% arrivava via e-mail.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp