Il magazine dedicato a vigilanza & sicurezza

di:  

materiale piratato

Diminuisce il numero di europei che accedono a materiale piratato e acquistano prodotti contraffatti

Italia più virtuosa del resto d’Europa: solo il 6% ammette di aver avuto nell’ultimo anno accesso a contenuti online tramite fonti illegali

In diminuzione il numero di europei che acquistano prodotti contraffatti e che accedono a materiale piratato. A rivelarlo una indagine condotta dall’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), che ha intervistato un campione di 25.636 persone residenti nell’Ue, di età pari o superiore a 15 anni, in merito ai loro atteggiamenti e comportamenti per quanto riguarda la proprietà intellettuale. Nello specifico, solo il 5% dei cittadini europei ha affermato di aver acquistato intenzionalmente prodotti contraffatti negli ultimi 12 mesi, mentre appena l’8% ha ammesso di aver avuto accesso a contenuti online tramite fonti illegali durante lo stesso periodo.

L’Italia dalla ricerca risulta essere più virtuosa rispetto alla media europea, con solo il 2% degli intervistati che ha dichiarato di aver acquistato deliberatamente prodotti contraffatti negli ultimi 12 mesi, segnando un calo di quattro punti percentuali rispetto all’ultimo studio di questo tipo, condotto dall’EUIPO nel 2017. Allo stesso tempo, il 6% ha ammesso di aver avuto accesso a contenuti provenienti da fonti online illegali durante tale periodo, rivelando un calo di un punto percentuale rispetto allo studio precedente.

Dalla ricerca risulta poi che negli ultimi 12 mesi il 42% degli europei ha pagato per accedere a contenuti protetti da diritto d’autore provenienti da una fonte legale, scaricare tali contenuti o riprodurli in streaming: tale dato evidenzia un aumento di 17 punti percentuali rispetto all’ultimo studio condotto nel 2017. In Italia ben il 45% degli intervistati ha affermato di aver pagato per accedere a contenuti online provenienti da fonti legali nell’ultimo anno: si tratta di un aumento di 29 punti percentuali rispetto all’ultimo studio. Nel complesso, tre quarti degli europei intervistati hanno affermato che la qualità dei contenuti online legali è migliorata e l’89% preferirebbe accedere legalmente a tali contenuti se il prezzo fosse ragionevole.

Ben l’80% degli europei risulta inoltre possedere in generale una buona comprensione della proprietà intellettuale e, stando allo studio, coloro che hanno conoscenze più approfondite al riguardo sono meno propensi ad acquistare prodotti contraffatti o a scaricare contenuti illegalmente. È risultato evidente inoltre il nesso che esiste tra l’atteggiamento dei consumatori nei confronti della contraffazione e la loro attitudine verso la pirateria: il 30% degli europei che ha intenzionalmente avuto accesso a contenuti online piratati ha anche acquistato prodotti contraffatti. Allo stesso tempo, oltre un terzo degli europei intervistati ha ammesso di avere dubbi circa l’originalità di un prodotto acquistato.

I giovani sono maggiormente inclini ad ammettere di aver acquistato prodotti contraffatti o di aver avuto accesso a contenuti online piratati. Il 10% degli intervistati nella fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni ha ammesso di aver acquistato consapevolmente prodotti contraffatti negli ultimi 12 mesi, mentre il 23% ha dichiarato di aver intenzionalmente avuto accesso a contenuti provenienti da fonti illegali, di averli scaricati o di averli riprodotti in streaming.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp