Il magazine dedicato a vigilanza & sicurezza

di:  

Cybersecurity, 139 attacchi gravi al mese nel 2019

Servizi online, finance/insurance, telecomunicazioni e fornitori di sicurezza informatica: questi sono i settori più colpiti dal cybercrime secondo il Rapporto Clusit 2020.
Mentre il mondo segue con ansia l’evolversi dell’epidemia da Covid-19, il cybercrime continua a mietere altrettante vittime. È il dato allarmante emerso dal Rapporto Clusit 2020 che riguarda l’anno appena trascorso e vede il cybercrime in costante crescita. A livello globale sono 139 gli attacchi informatici rivolti ad organizzazioni ed aziende, contro una media di 94 nel quinquennio 2014-2018. Secondo gli analisti, il 2019 è stato un annus horribilis “in termini di evoluzione delle minacce cyber e dei relativi impatti, sia dal punto di vista quantitativo che da quello qualitativo, evidenziando un trend persistente di crescita degli attacchi, della loro gravità e dei danni conseguenti”. Ora più che mai si può parlare di gruppi criminali transnazionali, ben organizzati e altamente professionali, e non più di singoli hacker.
Per quanto riguarda la situazione in Italia, il cybercrime è la causa principale degli attacchi informatici (83%) finalizzati all’estorsione di denaro, con una crescita del 162% rispetto al 2014. Stabile il cyber espionage, mentre diminuiscono le attività di hacktivism, di cui parte preponderante di entrambe è da considerarsi però di livello critico/alto. In merito alla gravità degli attacchi, il 46% è di tipo medio, il 26% di tipo critico, mentre il 28% è di livello elevato.
I settori più colpiti dagli attacchi hacker sono i servizi online (con un allarmante crescita del 91,5%) i settori finance/insurance e telecomunicazioni e i fornitori di sicurezza informatica. Gli attacchi “a obiettivo multiplo”, ovvero quelli che colpiscono indiscriminatamente un ampio gruppo di popolazione con una logica industriale rappresentano invece il 24% del totale.
La tecnica più utilizzata dai cybercriminali rimane il malware (nel 44% dei casi), di cui il 46% è rappresentato da ransomware, ovvero attacchi che bloccano i dati o i dispositivi finché l’utente non paga il riscatto. Segue il phishing e il social engineering (17% dei casi). Per quanto riguarda la durata media degli attacchi, il 95% di essi dura meno di tre ore, segno del miglioramento dei sistemi di difesa.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp